Realizzare una sacca filtrante per BIAB

Oggigiorno non è difficile procurarsi una sacca filtrante già confezionata, ci sono siti ed artigiani disposti anche a realizzarle su misura. Io ho disegnato la mia sacca e mi sono procurato il materiale che ho fatto assemblare dalla sarta. Ecco come ho fatto.

Due cose sul BIAB

“Brew In A Bag” questo è il metodo che sta dietro l’acronimo ormai conosciuto da chiunque e ideato in Australia qualche tempo fa. Quando si tratta di trovare scorciatoie nei processi produttivi, gli Australiani sono sempre pronti: vedi i chips usati in enologia per simulare l’affinamento in botte. Nel fare la birrasaltare il passaggio di risciacquo delle trebbie è una bella scorciatoia in termini di tempo, attrezzature e costi.

eibhlín beer - sacca filtranteIn pratica consiste nel effettuare l’ammostamento calzando un grosso filtro sulla pentola (mash tun) ovviamente prima di riempirla con il macinato e l’acqua. Il resto del processo continua normalmente, avendo l’accortezza di impedire il contatto diretto tra la sacca ed il fondo della pentola per evitare bruciature e conseguenti inconvenienti. A fine ammostamento poi la sacca (bella pesante) viene rimossa con al suo interno le trebbie cariche di acqua. La si strizza per bene perché restituisca il maltolto (quanto più possibile, senza dover compromettere l’integrità delle cuciture e rigorosamente senza guanti, da veri uomini!) sacrificando alla causa tutte le dita delle mani.
Ecco che, con qualche gridolino di dolore e con poco sforzo vi siete risparmiati un estenuante passaggio e nella stessa pentola dell’ammostamento, andrete ad eseguire anche la bollitura.

Questa tecnica nasce quindi dall’esigenza di ridurre i passaggi, ma meno passaggi non significa più semplice come qualcuno sostiene. In BIAB l’ammostamento viene condotto allo stesso modo, ma la sua efficacia o efficienza sottostanno a dei requisiti e accortezze imprescindibili. Per agevolare il rilascio e la trasformazione degli zuccheri si ricorre, per esempio, ad una macinazione più fine, poiché tanto le farine sono trattenute dalla maglia della sacca.

Sacca bio o synth?

eibhlín beer - sacca filtranteQuando si decide di usare questa tecnica e si intende fabbricare la sacca in casa, il primo pensiero va al materiale con cui realizzarla. I forum brassicoli sono pieni di lunghissimi threads sul tessuto da utilizzare, in cui emergono due filoni di pensiero. I naturisti che prediligono il cotone, magari bio, e i sintetici, che optano per fibre artificiali. Curioso vedere che poi in molti convergano su un modello di tende IKEA, ormai fuori produzione.

Io ho optato per il poliestere 100% ma prima di ricorrere al tessuto voile, ho provato a contattare almeno 3 aziende specializzate nella produzione di tessuti filtranti per l’industria alimentare. Alcune non mi hanno dato risposta (credendomi un pazzo stalker) altre, più gentilmente, mi hanno detto di non poter vendere ai privati.

eibhlín beer - sacca filtranteCome dicevo ho dovuto ripiegare su del tessuto voile bianco, quello con cui generalmente si realizzano svolazzanti camicette per signora. Ma è comunque una scelta giusta, perché lo chiffon (o voile) ha queste caratteristiche:

  • 100% sintetico resistente ad alte temperature
  • trama fittissima che permette di filtrare bene anche le farine
  • non costa molto
  • le fibre sintetiche non si impregnano

Così ho comprato da un sito di tessuti online 100cm di stoffa da cui ho ricavato la sacca per la mia caldaia Klarstein e (per ora) una hop bag. Con il resto della stoffa avanzata farò realizzare almeno ancora un paio di hop bag da usare in tutte le aggiunte di luppolo.  Oltre al tessuto ho comprato anche una spoletta di filo 100% poliestere bianco e una cinghia sempre in poliestere, con cui sono state realizzate le maniglie.

ridurre i passaggi, ma meno passaggi non significa più semplice

Alcuni accorgimenti se scegliete di farvi la vostra sacca in casa. Scegliete esclusivamente il colore bianco o vi ritroverete con una birra colorata e…tossica; prima di utilizzarla (e questo vale anche per quelle già confezionate) fatela bollire in acqua per disinfettarla e pulirla da impurità o sostanze chimiche usate per produrre il tessuto. Vedrete che vi troverete bene come me – qui l’articolo della prima produzione all grain in BIAB.

E che misure deve avere la sacca?

La sacca dovrà avere le misure della vostra pentola…ovvero: calcolate il diametro ed aggiungete qualche centimetro, ho sono stato largo di 5 per via delle maniglie sporgenti oltre la bocca della caldaia. Il voile non è un tessuto elastico, quindi meglio abbondare per evitare strappi o cedimenti della trama. Calcolate l’altezza della pentola dal fondo filtrante alla bocca. Anche in questo caso non lesinate! Tutto l’eccesso viene risvoltato sulla pentola e verrà utile al momento dell’estrazione e della strizzatura.

La sacca piena è molto pesante: realizzate un cilindro da un unico pezzo di stoffa chiuso da una sola cucitura sul lato lungo, in questo modo limiterete i punti deboli. Rinforzate bene le cuciture del fondo: la mia ha due dischi di fondo con una cucitura a croce passante per il centro del cerchio. Se siete soliti produrre grandi volumi, usate il nastro da passamaneria per imbragare tutta la sacca.

Concludo riportando alcuni riferimenti utili per apprendere nozioni su questa tecnica produttiva.

VI ringrazio per l’attenzione e vi ricordo che se questo articolo vi è piaciuto, potete lasciare un mi piace alla pagina facebook del blog. Oppure potete iscrivervi alla newsletter per essere informati appena viene pubblicato un nuovo articolo.

BIABREWER.info è una community internazionale sul metodo BIAB, offre spunti e un foglio di calcolo dedicato.
Tessuti.com è il sito da cui ho comprato il materiale di sartoria.
Homebrewmanual è una guida in inglese al BIAB.

The following two tabs change content below.

Sam

Enologo mancato, poi informatico, ho riversato sia le conoscenze acquisite che l'interesse per la biologia e la chimica enologica nella produzione casalinga di birre e altre bevande fermentate. Nel 2006 la prima birra auto prodotta, poi un periodo di buio di 10 anni, ma il tullicottero è rinato come una fenice dalle ceneri ed è più attivo che mai. Mi baso su un principio fondamentale: prima si studia e poi si fanno le domande. Mi tengo il più possibile lontano da forum e communities.
Nessun commento

Commenti

Eibhlín Beer
Homebrewing
Recensione pompa Rover Novax 20 B

Un primo sguardo alla pompa Rover Novax 20 B, acquistata su Polsinelli.it lunedì 1 gennaio e consegnata già oggi. Verrà inaugurata la prossima settimana, nella realizzazione del kit all grain Bibock, per il ricircolo del mosto in ammostamento e per il raffreddamento attraverso lo scambiatore in controflusso. L’ho preferita ad …

eibhlinbeer_beeremojis
Eibhlín Blog
Birra sì, ma dillo con l’emoji giusta. Ecco come

La messaggistica istantanea è sempre più orientata alla comunicazione visiva. In quel percorso involutivo che probabilmente ci (ri)porterà ai geroglifici, partiti dal semplice smile stilizzato sul nokia 3310 siamo arrivati oggi ad una rosa di disegni (emoji) da usare per esprimere qualsiasi concetto, su qualsiasi dispositivo abbia una tastiera. Per …

Beer and bees
Approfondimenti
2
La rivoluzione delle birre acide parte dai lieviti

Ancora una volta le api si rivelano importanti per l’umanità. Ma più di loro, i lieviti che vivono nel loro addome, destinati a rivoluzionare il mondo delle birre acide. The following two tabs change content below.BioUltimi Post Sam Enologo mancato, poi informatico, ho riversato sia le conoscenze acquisite che l’interesse …